Interventi di mitigazione del dissesto idrogeologico ad alta quota

INTERVETI DI MITIGAZIONE DEL DISSESTO IDROGEOLOGICO AD ALTA QUOTA ?
Ecco come è possibile intervenire

Oggi volevo parlarti di un caso particolarmente interessante (e complesso) riguardante un intervento di mitigazione del dissesto idrogeologico, avvenuto nel magnifico scenario di Santa Caterina Valfurva a più di 1700 mt, per il quale abbiamo offerto un servizio di supporto alla progettazione di un’opera di deviazione di un torrente di montagna su un versante interessato da un importante evento franoso.
Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

Lo studio di progettazione incaricato nello sviluppo di questo delicato e urgente intervento di ingegneria idraulica ha scelto la versatilità e la leggerezza delle condotte in materiale plastico affidandosi all’esperienza di un grande gruppo per individuare le migliori tecnologie disponibili sul mercato.

In una condizione così particolare la forte pendenza dei versanti e l’inaccessibilità dei luoghi sono risultati essere gli elementi guida per l’intera progettazione.

L’utilizzo di tubazioni corrugate con profilo ingegnerizzato per rallentare il deflusso delle acque mediante macro-scabrezze interne di tipo “Slow Flow” con giunti anti sfilamento Cor Press e pozzetti di salto e dissipazione a vortice avrebbe reso necessaria una riduzione della pendenza della condotta intervenendo sul profilo con opere di scavo troppo impattanti in relazione alle condizioni geologiche e morfologiche del sito.

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

La forte pendenza di una condotta risulta solitamente un fattore di rischio poiché genera velocità di scorrimento particolarmente elevate.

L’azione dell’acqua che si muove con velocità superiori a 5 m/s in presenza di trasporto solido, genera sollecitazioni di taglio e impatti che accelerano i fenomeni di degradazione delle tubazioni e dei manufatti che il flusso incontra lungo il percorso.

Sebbene polietilene e polipropilene siano i materiali utilizzati per le condotte a gravità con il migliore comportamento rispetto all’abrasione, condizioni di pendenza superiori al 20% ed un afflusso di materiali solidi eterogenei, hanno portato ad escludere le tubazioni corrugate di rallentamento, proprio a causa del ridotto spessore della parete interna.

In queste condizioni il timore che gli inerti trascinati dal ruscellamento delle acque meteoriche sul corpo di frana potessero raggiungere le tubazioni ha indotto i progettisti a scegliere condotte a parete solida, maggiormente tolleranti rispetto al potenziale impatto di materiali grossolani spinti dal flusso idrico a velocità superiori a 25 km l’ora

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

Tubazioni normate secondo UNI EN 12666 o UNI EN 12201, offrono anche la possibilità di essere saldate, a garanzia di una maggiore affidabilità, rispetto alle soluzioni con giunti a bicchiere e guarnizione, soprattutto in presenza di assestamenti del terreno e instabilità dei versanti.

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

Per ridurre il rischio di trasporto solido ed aumentare la longevità del sistema la soluzione suggerita dall’Ufficio Tecnico del System Group ha contemplato l’inserimento a monte del tratto a forte pendenza di separatori di sabbie formati da tubi di grande diametro con profilo di parete strutturato, di tipo spiralato, della gamma SGK di Centraltubi.

L’inserimento di un comparto di calma in linea limita fortemente il trasporto solido in condotta ed aumenta la vita utile del sistema.

La progettazione dei separatori è stata condotta con il supporto degli strumenti di calcolo della Divisione Tecnica del System Group, con la guida ed il continuo confronto con i progettisti dell’opera al fine di ottimizzare al meglio ingombri, prestazioni, facilità di manutenzione e velocità di installazione, dovendo operare in condizioni di emergenza, in luoghi di difficile accesso.

I separatori sono stati disegnati per la specifica applicazione studiando ogni dettaglio perché si adattassero al profilo idraulico ed alle esigenze del progetto, non ultimo il trasporto, via aerea, reso possibile grazie ad una attenta valutazione del peso complessivo del manufatto finito.

L’assistenza agile della nostra Divisione Tecnica non è mancata neppure durante il difficile periodo di confinamento con l’intento di garantire sempre il nostro supporto a progettisti e imprese nello sviluppo di soluzioni evolute, durature e resilienti con i migliori prodotti che il System Group può offrire.

Se sei un progettista e vuoi entrare in contatto con i nostro reparto tecnico per ottenere supporto puoi farlo qui ====> SYSTEM GROUP CONSULTING

Se invece ti interessa scoprire tutta la gamma di prodotti System Group, ti invito a visitare il nostro nuovo portale digitale qui ===== > SYSTEM GROUP

ottobre 14th, 2020|Focus Prodotti, Referenze|

Contattaci

Consenso al trattamento dei dati personali (art. 7 Regolamento Europeo 2016 / 679)

Informativa - Privacy Policy

* 1) Presto il consenso al trattamento dati-personali, finalizzato a dare riscontro alla mia richiesta informazioni, come descritto nell'apposita informativa.
  2) Presto il consenso al trattamento dati-personali, finalizzato a ricevere la Newsletter di System Group, come descritto nell'apposita informativa.

WhatsApp chat