PRODOTTO LISTINO BIM CONTATTACI

Dopo i gravi incendi del tunnel del Monte Bianco (Italia Francia, 29 Marzo 1999, con 39 vittime), del “Tauerntunnel” (Austria, 29 Maggio 1999, con 12 morti) e del “Traforo del Gottardo” (Svizzera, 24 Ottobre 2001, con 11 morti), fu emanata una “Direttiva Europea sulla Sicurezza delle Gallerie Stradali” volta a migliorare le condizioni di sicurezza di tali infrastrutture, investendo della problematica sia la progettazione di nuove opere quanto la messa a norma di quelle già esistenti. Le industrie più attente colgono queste esigenze e propongono soluzioni sulla base delle esperienze ed esigenze dettate dai nuovi regolamenti e dai committenti. Così è nata NO FIRE, la caditoia progettata per la realizzazione dei moderni sistemi di sicurezza nelle gallerie stradali e autostradali, che soddisfa le più stringenti Norme europee in materia.

IL PROBLEMA
All’interno delle gallerie deve essere presente un sistema di sicurezza ambientale capace di drenare eventuali liquidi da sversamento accidentale e antincendio sulla superficie stradale. Solitamente questo sistema è costituito da una serie di caditoie (o canali continui) che, tramite una tubazione sottostante, convogliano i liquidi in un apposito volume di raccolta a fine galleria. Per tale principale scopo, Futura SpA (Azienda del System Group) ha realizzato la caditoia NO FIRE, sviluppata a seguito di incontri avuti con Tecnici di tre importanti Gestori italiani di reti stradali e autostradali, coi quali si sono potuti fissare i criteri per portare avanti lo sviluppo di tale importante sistema, secondo le più recenti disposizioni normative e le esigenze tecniche ed economiche di realizzazione.

La caditoia NO FIRE è un manufatto composto sommariamente da due distinte parti plastiche (PE): un serbatoio base (corpo inferiore), sopra al quale viene collegato un corpo superiore, composto da una “caditoia drenante” con apposite prolunghe di connessione al serbatoio. La griglia di chiusura è in ghisa sferoidale in classe di carrabilità D400. Il serbatoio base è realizzato in maniera tale da ospitare un ingresso ed una uscita 1. Un’immagine de tunnel del Monte Bianco dopo l’incendio del 29 Marzo 1999 per le tubazioni (standard corrugato del diametro di 400 mm, ma disponibili anche con diametro da 250 mm e 315 mm), la cui quota di scorrimento della

tubazione in uscita determina il massimo livello di riempimento della base del serbatoio con acqua. La parte superiore del serbatoio è conformata in maniera tale da originare tre diversi canali verticali, di cui solo quello quadrangolare, più grande, in posizione centrale consente l’ingresso dei liquidi raccolti dalla soprastante caditoia nel serbatoio. I due laterali (tappati in sommità) servono per ispezionare il serbatoio nei punti di collegamento alle tubazioni. I tre canali sono distanziati fra loro da appositi setti che all’esterno lasciano una “luce” fra i vari canali, mentre all’interno si prolungano fino a superare la quota di scorrimento della tubazione a valle del senso di scorrimento, creando un sistema a doppio sifone. L’elemento superiore della NO FIRE si collega al serbatoio mediante apposite prolunghe della caditoia superficiale, le quali possono essere facilmente tagliate in opera per adattarle alle esatte quote di posa.

SICUREZZA IN GALLERIA CON LA CADITOIA NO FIRE

IL PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO 
Esso consiste nel creare un impedimento all’ingresso dell’aria (ossigeno) dentro al collettore, al fine di far terminare celermente la combustione dei liquidi infiammabili al suo interno in caso di incendio. Ciò si realizza creando con l’acqua, per differenza di densità, una barriera di ingresso all’aria. Il materiale utilizzato per la costruzione della NO FIRE è il polietilene (PE), in classe di autoestinguenza “V2” (certificato con test presso laboratori terzi accreditati). La posa del sistema NO FIRE (caditoia più tubi) prevede che, principalmente a causa della obbligatoria superficialità di posa, tutto il sistema venga staticamente protetto da un totale rinfianco di cemento. Pertanto, il sistema NO FIRE funge automaticamente anche da cassaforma a perdere del conglomerato di contorno che, in caso di incendio ed

SICUREZZA IN GALLERIA CON LA CADITOIA NO FIRE

eventuale danneggiamento della parte plastica, consentirà al sistema di mantenere la sua conformazione geometrica e quindi il suo funzionamento. L’eventuale danneggiamento presuppone la successiva rimozione e sostituzione che, in caso d’incendio, investirà molto probabilmente una più ampia sistemazione, o addirittura rifacimento, del tratto di galleria indipendentemente dallo stato degli elementi del sistema di drenaggio. A tal proposito, sono stati svolti dei test di campo, in una galleria sull’isola di Gran Canaria (Spagna) dove, durante la fase di costruzione, è stato approntato un metodo di verifica funzionale e monitoraggio concordato fra il produttore (Futura SpA), il competente Ministero per la realizzazione dell’infrastruttura e la Direzione Lavori, con l’assistenza dell’Organismo di certificazione Bureau Veritas, che con l’aiuto dei Vigili del Fuoco hanno prodotto un incendio controllato per testare il funzionamento reale del sistema NO FIRE in galleria.

La verifica ha prodotto risultati superiori alle attese, con danneggiamento di una minima parte di frazione plastica del sistema (solo quella centrale a diretto contatto della fiamma) e con perfetto mantenimento del funzionamento del sistema di impermeabilizzazione all’aria, quindi di estinzione naturale del fuoco all’interno della condotta. Ad oggi, NO FIRE risulta essere l’unico sistema di questo genere ad essere stato testato in campo e poi certificato da un Organismo terzo (BVQI). Nel sistema NO FIRE sono previste tubazioni di PP o PE (PVC free) poiché materiali privi della molecola del Cloro (Cl) che, in caso di combustione, originerebbe esalazioni di TCDD (diossina C12H4 Cl4 O2 ).

UN SISTEMA NO FIRE
Rispetto ai sistemi tradizionali, i vantaggi del sistema NO FIRE sono importanti e molteplici: • funzionamento collaudato e certificato; • indipendente dalla propria resistenza al fuoco; • leggera, facile da movimentare e installare; • sistema completo (caditoia + griglia + tubazioni + serbatoio di raccolta a valle); • economica rispetto a sistemi analoghi. Non solo: poiché il sistema prevede la necessità di mantenimento dei livelli di acqua dentro ai singoli serbatoi, esso può essere combinato con il sistema di drenaggio esterno della galleria, dai quali si ottiene acqua e per il quale in genere viene realizzato un sistema di drenaggio parallelo (tubi + pozzetti + chiusini) da gestire in galleria. In tal caso tali acque si possono convogliare tutte nel sistema NO FIRE per il necessario mantenimento dei livelli di acqua, eliminando gli oneri di realizzazione e gestione di una seconda condotta, con notevoli benefici in termini economici, oltre che di sicurezza.

SICUREZZA IN GALLERIA CON LA CADITOIA NO FIRE
SICUREZZA IN GALLERIA CON LA CADITOIA NO FIRE

Il sistema, inoltre, dà origine a un continuo flusso interno di acque che recapiteranno per gravità ad un serbatoio di raccolta, il quale dopo un periodo iniziale risulterà pieno. Pertanto, il sistema prevede l’adozione di uno speciale serbatoio, da noi ricavato da grandi tubi PE (Spiralati), che funge da separatore in continuo di liquidi di differente densità dall’acqua, nonché naturalmente da parziale dissabbiatore. Le acque pulite in ingresso compiranno il loro percorso all’interno del serbatoio ed usciranno, dalla parte terminale, per essere recapitate a destinazione (solitamente restituite all’ambiente). In caso di sversamento accidentale i liquidi si mescoleranno all’acqua nel sistema

SICUREZZA IN GALLERIA CON LA CADITOIA NO FIRE

di drenaggio e, arrivati al serbatoio “separatore”, verranno selezionati per differenza di densità, sia per rallentamento del flusso (vasca di calma) sia per la presenza di eventuali filtri o altri sistemi di separazione considerati. La disposizione dei liquidi a differenti livelli consente di progettare il sistema di restituzione all’ambiente in grado di captare soltanto le acque pulite e lasciare all’interno la frazione inquinante. Tale sistema a gravità “in continuo” (a serbatoio pieno) consente inoltre di poter separare anche altre acque inquinate di diversa provenienza, come ad esempio da lavaggi della galleria (detergenti) che, nei comuni sistemi statici (serbatoi a fondo cieco), andrebbero ad occupare in maniera indefinita (insieme alle infiltrazioni, alle acque di trascinamento ecc.), una parte della capienza dimensionata per accumulare i liquidi da sversamento accidentale, che di conseguenza troveranno meno spazio disponibile con rischi di: • inquinamento ambientale per insufficienza di contenimento del volume di raccolta; • realizzazione di volumi di raccolta maggiorati quale fattore di sicurezza (comunque approssimativo) con aumento dei relativi costi. Il NO FIRE completa il sistema con versioni ribassate, per consentire la posa anche in spazi più costretti.

SICUREZZA IN GALLERIA CON LA CADITOIA NO FIRE

BIM

LISTINO

Antincendio Caditoia frangifiamma a doppio sifone per gallerie

CERTIFICATO
BUREAU VERITAS

SICUREZZA IN GALLERIA CON LA CADITOIA NO FIRE