TERNI-Realizzazione-all'interno-di-un-parcheggio-sotterraneo-della-nuova-rete-di-scarico-per-le-acque-bianche

I 3 motivi per cui COR+ è la soluzione ottimale per le reti staffate (e non solo).

Spesso quando parliamo di reti staffate, il grande dilemma di chi progetta o installa l’opera è quello della scelta dei giusti materiali o meglio del giusto trade-off che c’è tra soluzioni che garantiscano una tenuta idraulica perfetta e soluzioni più economiche che garantiscano il rispetto dei budget (sempre più esigui) per la realizzazione dell’impianto.

Ci siamo trovati di fronte ad un caso simile pochi mesi fa a TERNI. Il caso era quello della realizzazione all’interno di un parcheggio sotterraneo della nuova rete di scarico per le acque bianche.

La soluzione inizialmente pensata dal progettista consisteva nel costruire la rete con delle tubazioni in PE Liscio saldate nelle giunzioni (vedi esempio foto) per garantire una tenuta idraulica perfetta (soluzione però molto onerosa), essendo la tenuta uno degli elementi fondamentali per garantire la sicurezza dell’opera. A questo tipo di approccio (a saldare), le alternative più economiche sono rappresentate dalle giunzioni a bicchiere che spesso, purtroppo, non riescono a garantire le stesse performance a livello di tenuta idraulica.

Grazie all’ottimo lavoro tecnico svolto dall’agenzia  7 in CONDOTTE ed alle caratteristiche rivoluzionarie offerte dalla nuova tubazione targata
SYSTEM GROUP che coniugano tenuta ed economicità,
la soluzione finale è ricaduta su COR+

Ecco di seguito i 3 Motivi per cui COR+ può essere il tuo miglior alleato in caso di staffaggio o posa in opera tradizionale di nuove condotte da scarico:

  1. ELEVATISSIMA AFFIDABILITÀ DI TENUTA (IN/OUT) RISPONDENTE ALLA NORMA EN 13476 .

  2. FACILITÀ ED ECONOMICITÀ D’ INSTALLAZIONE, SEMPLICITÀ DI MONTAGGIO

  3. RESISTENZA ALLO SFILAMENTO

 

1. ELEVATISSIMA AFFIDABILITÀ DI TENUTA (IN/OUT) RISPONDENTE ALLA NORMA EN 13476

In aggiunta ai test di tenuta della giunzione previsti dalla norma EN 13476-3, i raccordi CorPress sono soggetti a prove prestazionali più severe, descritte nella SPECIFICA TECNICA STPQ 07, redatta dal produttore e approvata dal comitato tecnico dell’ente certificatore terzo (IIP).

  •  prova di tenuta con pressione interna: 3 bar continuativi per 30 min.

  • prova di tenuta con pressione esterna: 1 bar continuativo per 30 min. (a seguire) 1,5 bar per ulteriori 5 min.

Il test di tenuta alla pressione dall’esterno prevede l’utilizzo di una telecamera all’interno del campione, per verificare anche visivamente l’assenza di inclusioni di acqua.

2. FACILITÀ ED ECONOMICITÀ D’INSTALLAZIONE, SEMPLICITÀ DI SMONTAGGIO

  • 1- Gusci esterni in PP

  • 2- Viti e bulloni di serraggio in acciaio INOX M8-M10 (A2)

  • 3- superficie interna in EPDM costampata sulla conchiglia sagomata per ottimizzare la tenuta idraulica e allo sfilamento.

Un altro aspetto molto apprezzato dagli installatori è la possibilità di preassemblaggio fuori scavo, che consente di poter operare in condizioni di maggiore comodità, pulizia, sicurezza e velocità. (vedi video)

3. RESISTENZA ALLO SFILAMENTO E LA POSSIBILITÀ DI STAFFAGGI VERTICALI E ORIZZONTALI

Il sistema di giunzione CorPress offre anche una ELEVATISSIMA RESISTENZA ALLO SFILAMENTO grazie alla sua specifica morfologia interna che gli consente di distribuire le forze su ampie superfici di tenuta.

I test antisfilamento che vengono condotti in stabilimento prevedono l’applicazione di un carico superiore a 2000 kg che grava sul giunto.

La particolare morfologia del giunto CorPress consente di poterlo utilizzare anche direttamente come staffaggio a muro, utile nei discendenti e soprattutto per collettori sotto impalcati.

Se sei un progettista e necessiti di supporto tecnico, puoi accedere da qui al nostro portale dedicato: ======= > SYSTEM GROUP CONSULTING

Se sei un’impresa e vuoi approfondire le caratteristiche della nuova tubazione COR + puoi farlo qui: ====== > LISTINO COR+