FIRENZE - via dei Serragli

Dalla fine dello scorso mese di Febbraio a tutt’ora, sono stati eseguiti i lavori di “RIQUALIFICAZIONE DELLA SEDE STRADALE E DEI SOTTOSERVIZI DI VIA DEI SERRAGLI”, al centro di Firenze. Le condizioni operative del cantiere, in ambito urbano molto costretto, ad alta densità di traffico e di passaggio pedonale, incluso quello turistico, richiedeva la minimizzazione dell’impatto e dei disagi che, inevitabilmente, tali lavori producono in queste condizioni, soprattutto trattandosi della posa di una tubazione di diametro interno utile pari a 1500 mm.

Il gestore delle reti in ambito comunale ha preventivamente svolto un’attenta e approfondita disamina dei possibili scenari, tempi e risultati del lavoro, ipotizzando l’esecuzione con diversi materiali, per approdare così alla scelta delle tubazioni Spiralate in PE di tipo SGK, in classe di rigidità anulare SN8.

In tale frangente il personale del SYSTEM GROUP si è reso disponibile ai valutatori per illustrare e dimostrare le possibilità offerte da tali soluzioni, coadiuvato dall’importante attività di supporto dell’Agenzia locale: GVM dell’ing. Massimo Burresi. La leggerezza, la velocità di posa, le lunghezze  degli  elementi  a misura, la posa di barre  con ispezioni

integrate (particolarmente apprezzata e vantaggiosa), hanno permesso di ridurre al minimo i disagi causati dai lavori riducendone i tempi di attuazione, più di quanto ottenibile con qualsiasi altro materiale in tali dimensioni e ottenendo elevate prestazioni idrauliche, di efficienza e di durabilità del sistema, che pure assumono aspetti particolarmente rilevanti, sia dal punto di vista tecnico che economico. Le caratteristiche intrinseche delle tubazioni PE AD Spiralate SGK prodotte da CENTRALTUBI S.p.A. sono sempre maggiormente riconosciute nel mercato grazie al crescere del loro utilizzo che, assai spesso, sorprende piacevolmente chi li posa per la prima volta, poiché gratificato a consuntivo dai risultati ottenuti e dalla presa di coscienza delle scampate maggiori difficoltà che i materiali “tradizionali” avrebbero loro imposto.